Benessere

Wellness Check-up

Scopri l'offerta Fanfani scegliendo fra i vari profili proposti

Check up Sport e Fitness

Top Training e Talent.

Allenamento funzionale e ottimizzazione della performance.

I moduli Top Training e Talent permettono di tracciare un percorso chiaro, definito e scientifico con l’obiettivo di ridurre drasticamente la
probabilità di andare incontro a infortuni in ambito osseo, cartilagineo, tendineo, legamentoso e muscolare.

Molti atleti si allenano senza mai porsi il problema di prevenire gli infortuni. Vivono nella sbagliata convinzione che a loro non toccherà mai o che, se succederà, basterà rivolgersi a un terapeuta per risolverli in poco tempo. Allenarsi è invece un processo molto complesso che deve essere portato avanti con professionalità, un percorso in cui tutte le informazioni relative al proprio corpo sono da considerarsi preziose. Non è solo una questione di tempi, di fiato o di prestazione, è richiesta anche una comprensione dei possibili rischi a cui un atleta va incontro quando pratica la sua disciplina.

Lo studio del DNA permette di identificare con semplicità e su una base strettamente scientifica limiti e potenzialità di una persona che pratica sport, ma soprattutto di sostenerlo in un percorso che ha per obiettivo il raggiungimento di un optimum di performance riducendo al tempo stesso la possibilità di infortuni traumatici e non. Permette inoltre di valutare su base scientifica le principali caratteristiche legate alla performance: tipologia delle fibre del muscolo (tipo I e II), proteine muscolari (es. mioglobina, miostatina), secrezione dei fattori di crescita (somatomedina), dinamicità della contrazione muscolare (es. alfa-actinina), tono vascolare (es. angiotensina, ossido nitrico), soglia anaerobica potenziale, metabolismo del lattato, bradichinina e recettori nucleari ormonali (es. PPAR).

Lo sport praticato con costanza, sia per passione che per puro agonismo, richiede allenamento e dedizione. Ricercare gli effetti di una variante genetica su un carattere complesso e influenzabile dall’ambiente come la prestazione sportiva è estremamente complicato, si parla infatti di “tratto poligenico”. Numerosi lavori hanno però dimostrato che i parametri fisiologici, geneticamente determinabili, esercitano un’influenza diretta sulla performance.

Questo modulo è indispensabile per capire qual è lo sport che più si adatta alle proprie caratteristiche morfologiche, antropometriche, fisiologiche, funzionali e motorie su base genetica.

Image link

Check up Personal Care

Antiaging, Detox, Pelle.

Riparazione cellulare e metabolismo dei folati, risposta a stress ambientali e radicali liberi, inestetismi e sensibilità cutanea.

Permette di conoscere le varianti genetiche associate all’alterazione dei cinque cicli di metilazione e di prevenire moltissime malattie cardiovascolari, neurologiche e oncologiche.

La metilazione è necessaria per un’adeguata formazione e riparazione del DNA, per la regolazione della crescita cellulare, per la corretta espressione dei geni e per la produzione di numerosi neurotrasmettitori (serotonina, melatonina, adrenalina, noradrenalina, acetilcolina). La metilazione ha un ruolo fondamentale nella formazione della guaina mielinica, della sintesi e riparazione del DNA, nella regolazione della crescita cellulare e nei processi di escrezione di tossine (pesticidi), metaboliti ormonali (estrogeni) e metalli pesanti (mercurio, piombo, arsenico, antimonio). La metilazione e la rispettiva de-metilazione sono parte di un processo biochimico suddiviso in cinque grandi sistemi: ciclo del folato, ciclo della metionina, transulfurazione, metabolismo dei neurotrasmettitori e ciclo dell’urea.

È utile per valutare su base genetica la naturale predisposizione del corpo a proteggersi dai radicali liberi e degli xenobiotici (farmaci compresi) che possono rivelarsi tossici. L’attacco degli agenti esterni (raggi UV, inquinamento, fumo e stress) scatena la produzione dei radicali liberi, comunemente chiamati ROS, da parte dell’organismo, responsabili del processo di ossidazione cellulare. L’azione continua e non fisiologicamente compensata dei ROS, può causare seri danni a livello cellulare e può portare ad un precoce e rapido invecchiamento dei tessuti, in casi particolari può addirittura favorire l’insorgere di talune patologie a carattere degenerativo. In condizioni normali il corpo umano si difende da queste sostanze aggressive attraverso l’utilizzo di enzimi e/o molecole adibite alla neutralizzazione delle specie radicaliche (enzimi di fase I).

Tutte le sostanze chimiche estranee all’organismo sono definite xenobiotici: additivi alimentari, aromatizzanti, coloranti, emollienti, emulsificanti, pesticidi, sottoprodotti della combustione e della colorazione delle acque, inquinanti ambientali e farmaci. Gli xenobiotici, legati alle proteine plasmatiche, si diffondono attraverso il ciclo sanguigno e possono accumularsi provocando fenomeni di tossicità acuta e cronica. Il metabolismo degli xenobiotici (enzimi di fase II) comprende una serie di passaggi che, attraverso la funzionalizzazione e coniugazione, portano alla disattivazione ed
escrezione di tali sostanze tossiche.

Il modulo pelle individua la predisposizione genetica a patologie e imperfezioni della pelle: consente di individuare possibili carenze vitaminiche e delineare la corretta strategia terapeutica per avere una pelle sana e giovane indipendentemente dall’età. La carenza di specifiche vitamine, principalmente liposolubili, e una riduzione su base genetica dei sistemi di protezione dai radicali liberi, e dalle numerose sostanze inquinanti, sono strettamente correlati a problematiche della pelle. Lucentezza, elasticità e idratazione della pelle sono caratteristiche intrinseche di ognuno di noi, dovute sia a fattori genetici che ambientali. Alcuni polimorfismi indicano un’aumentata predisposizione a sviluppare imperfezioni della pelle, sensibilità al foto-invecchiamento, altri invece sono associati a malattie dermatologiche su base autoimmunitaria, come la dermatite atopica o la psoriasi.

Image link

Check up Nutrizione

Metabolico, Micronutrienti, Intallergy.

Regolazione della fame e metabolismo degli alimenti, carenza di vitamine e sali minerali e predisposizione ad allergie e intolleranze.

Permette di valutare l’efficacia e la pericolosità delle diete chetogeniche su base prettamente scientifica. Con il test potrai comprendere alcuni fenomeni fisiologici caratteristici dell’organismo della persona legati al catabolismo degli alimenti (proteine, grassi, carboidrati). Riceverai informazioni utili al bilanciamento tra glucosio e insulina (glicazione e diabete), sul metabolismo e il trasporto di colesterolo e trigliceridi, sulla deposizione di massa grassa e sul catabolismo degli aminoacidi. È inoltre presente un set specifico di geni che sono coinvolti nella regolazione ormonale del metabolismo: adiponectina, leptina, grelina, neuro peptide Y, catecolamine, ormoni tiroidei (alterazioni su recettore TSH), melanocortina e melatonina. Fornisce un quadro semplice e chiaro di tutti i micronutrienti da inserire nella dieta per bilanciare scompensi che potrebbero aver generato situazioni di malessere o di malattia.

Con l’analisi dei micronutrienti si valuta la predisposizione genetica verso la carenza di specifici micronutrienti indispensabili per la salute. Le vitamine (A, B, C, D, E, K), i minerali (calcio, fosforo e magnesio) e gli oligoelementi (ferro, zinco e selenio) sono importanti per il corretto funzionamento dell’organismo. Anche se il corpo ne ha bisogno in piccole quantità, giocano un ruolo fondamentale nella produzione di enzimi, ormoni e altre sostanze che aiutano a regolare la crescita, l’attività, lo sviluppo e il funzionamento dei sistemi immunitari e riproduttivi.

Carenze su base genetica dei micronutrienti sono da considerarsi “costitutive”, richiedono pertanto percorsi di integrazione nutrizionale lungo tutto il corso della vita. Identifica alimenti e sostanze che provocano attività tossiche nei confronti dell’organismo. Permette di conoscere la naturale predisposizione verso allergie e intolleranze alimentari: nichel, lattosio, proteine del latte e delle uova, sale, fruttosio, acetaldeide, istamina, arachidi, ferro, etanolo, caffeina e solfiti (conservanti alimentari).

All’interno del modulo è presente la tipizzazione HLA (DQ2-DQ8) per la valutazione della predisposizione a sviluppare la celiachia: una combinazione HLA sfavorevole determina un aumento del rischio per la malattia, mentre l’assenza di varianti sfavorevoli rende del tutto improbabile la manifestazione dei sintomi.

Il test valuta inoltre alcuni polimorfismi legati alla sensibilità al glutine, un’intolleranza difficile da diagnosticare e da non confondere con la celiachia.

Image link

Profili Ormonali Salivari

Overtraining

Per la Performance Sportiva
Stato anabolico / catabolico del tessuto muscolare in attività
Riduzione fenomeni traumatici muscolari da sovraccarico (lesioni)
Riduzione perdita massa magra in allenamento

Cosa comprende:

Cortisolo (pre/post allenamento)
Testosterone (pre/post allenamento)
Interleuchina 6 Plus (pre/post allenamento)
Counseling pre e post prestazione.
Image link

Crono

Per i disturbi di Ansia, Sonno e Stress.
Disturbi del sonno (ritmo circadiano) e stress
Depressione, nervosismo e attacchi di panico

Cosa comprende:

Cortisolo (in 4 tempi diversi)
Melatonina (in 4 tempi diversi)
Counseling pre e post prestazione.
Image link

Wellness

Per i disturbi Cardiologici, Muscolari, alimentari, dello Stress.
Emicrania e stress
Spossatezza, dolori muscolari e articolari (osteoporosi)
Obesità, sovrappeso, diabete mellito e sindrome metabolica
Alta/bassa pressione, tachicardia e aritmia cardiaca

Cosa comprende:

Cortisolo (mattina e sera)
DHEAS
Testosterone
Estradiolo
Progesterone
Melatonina (mattina e sera)
Insulina e Leptina
Counseling pre e post prestazione.

*Per le donne in età fertile la raccolta deve essere effettuata una settimana prima del ciclo mestruale.

Image link

Check up Microbiota Intestinale

Analisi del Microbiota Intestinale

L’analisi del Microbiota permette di individuare la composizione dei batteri intestinali.

Con questo test, riuscirai ad individuare se un batterio ha preso il sopravvento sugli altri, se ci sono batteri pro-infiammatori o se vi è una carenza di batteri benefici (es. lattobacilli e bifidobatteri).

I batteri benefici presenti nell’apparato gastrointestinale giocano un ruolo importante nella digestione e assimilazione dei cibi e hanno una forte influenza sulla regolazione del sistema immunitario. Infatti, uno squilibrio intestinale (disbiosi) è associato ad un basso, ma costante, livello di infiammazione che, spesso, porta allo sviluppo di leaky gut o intestino gocciolante. I sintomi collegati a leaky gut e infiammazione intestinale sono: intolleranze alimentari, problemi di digestione, colite, obesità, malattie autoimmuni e depressione.

Il report con i risultati dell’analisi del microbiota comprende anche consigli alimentari e indicazioni di integratori e probiotici utili per ristabilire il corretto equilibrio batterico intestinale.

Image link

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.